• caligulas75

Perifericamente

Sono all’ estremità

Di ogni circostanza – sempre –

Amo le periferie

L’idea di aver percorso tutto e arrivare in fondo

Perifericamente adattato perché

Adoro le visioni complete

I libri che non hanno un’esplicito finale

Amo i bordi delle pizze

Adoro le montagne che sono all’ estremità di tanti punti di vista

Il mare che se lo navighi…non ha riferimenti solo mare…periferico

Il sole…più periferico del sole

Le gallerie perché sono un passaggio verso un’altra sponda

Le foreste fitte – possono essere infinite

Amo tutto ciò che non è contenuto che non chiaramente delimitato

Sarà che la mia mente vuole vagare…sarà che le esplorazioni sono come vagabondare e non volersi fermare.

Adoro se esco andare il più lontano possibile le vicinanze non mi donano sensazione di allontanamento .

La spiaggia di notte..oscura…silenziosa…

Non sono un’estremista sono un ricercatore di esterni..perché? Extemare dal solito latino…Esteriore

Ciò che svolgiamo esteriormente è quella precisa idea che smuoviamo da dentro…il passaggio non è chiaro…io sono in quello cje manifesto la parte periferica di me…la concentrazione di me stesso in una chiara manifestazione estetica ed esterno

Perifericamente me stesso

0 visualizzazioni

©2020 di Francesco Cacciola. Creato con Wix.com