• Francesco Cacciola

Malinconia

C’era nebbia quella sera , il buio faceva impazzire la notte che si deframmentava tra gli scuri. Tutto era disordinato, ogni cosa spariva, dietro le siepi di un ricordo che si nascondeva dentro di me. Correvo, contro un vento che soffiava sul mio viso.

C’era nebbia e sentivo avanzare quello strano senso di malinconia, mentre provavo a fuggire da me stesso.

Ho dimenticato il mio sogno, balordo che sono, autonomo, travestendomi continua abissato a girovagare le mie ore, solo per ricordarmi che tutto ha senso – anche la malinconia se ad essa attribuiamo un significato.

2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Anni

Il fiume scorre Su lastre d’acqua che discendono Indomabili Come i miei umori, scorevoli Impanati in letti Su argini di vita Impressi nell’ anima mia Non lascerò soffocare Non lascerò annichilire le e

3313071863

CCCFNC75D19M208W

©2020 di Francesco Cacciola