• Francesco Cacciola

Dimentica quella lacrima


Dimentica quella lacrima

È sfuggita cosi

Scivolando sulle distese

Del tuo viso

Un tempo, il tempio del tuo sorriso

Sullo stesso viso

Oggi steso in ettari di terra invenduta

Ed io che posso solo guardare

Ricordare

E guardare

Sapendo che l’infinito finisce prima o poi

Proprio come è iniziato

Da te

Che sei quel ripido precipizio

Di emozioni

Di ricordi accatastati in questo silenzio

Che colleziono, avido anche solo di questo

Spesso rumoreggia dentro

Ricordando il baccano che sei

Per ogni cellula del mio esistere

Intrappolato in quel magico ricordo

Come in ogni tuo sguardo

Che devo sovrapporre ogni volta che guardandoti

So chi sei

Chi eri

Chi sei

Chi eri

Dimentica quella lacrima

È scivolata via

Da te

È caduta in me

Io sono il mare

Tu ogni goccia di cui ondeggia

Alla mia Lu

Sin dalla prima volta che ti ho vista

Fino all’ ultima volta che ti ho visto

Era l’amore che reggeva il mio sguardo

Il tuo sorriso ha fatto il resto.

2 visualizzazioni

3313071863

CCCFNC75D19M208W

©2020 di Francesco Cacciola