• Francesco Cacciola

Alter Ego

Sento le lacrime cadere sulle mie ricurve guancie, che sono come scivoli nel nulla

Gocciolando sui confini di una bocca che tace, amaramente tace immobile

Come il mio corpo cotto al sole di un giorno caldo senza ripari.

Sale, sale fino ai singhiozzi che non vogliono cessare e mi smuovono come fossi un foglio incustodito, lo stesso che imbratto nel ciclone dei miei umori, tentando di risalire dai fondali dove sono sprofondato.

Sento il tutto convergere sul mio stomaco mentre non ho più lacrime

Sento ! Sento ogni cosa

Nonostante fa male

Nonostante non passa

Fermo su pensieri, lame

Fermo sui rimpianti, briciole di cuore

Fermo sulla fede, come un labirinto da cui voglio evadere

Credere! credere è più doloroso che non avere credo.

Sento! Sento ogni cosa

O credo di sentire tutto ciò che non so più provare, o peggio non provo perché  sentire fa più male di credere

Per cui non credo, smetto di sentire

Ma provo.

2 visualizzazioni

3313071863

CCCFNC75D19M208W

©2020 di Francesco Cacciola